Vai al contenuto
Home » Eventi » Pranzo in gioco – Ygar

Pranzo in gioco – Ygar

Tutti i personaggi della campagna sono invitati a partecipare al pranzo in gioco organizzato da Edward Villenoir.

Il pranzo si svolgerà presso il Lago le Roste a Chions (PN)

https://goo.gl/maps/qWtkp1nuEnYyVh5DA

Ritrovo ore 11:00

Termine indicativo ore 18:00

Verrà chiesto un contributo a tutti i partecipanti per l’affitto della location.

SPECIALE

A differenza degli altri pranzi in gioco, per questo evento sarà in vigore tutto il regolamento di gioco e guida di campagna. Questo vuol dire che è possibile combattere, lanciare incantesimi, somministrare cartellini, essere posseduti da spiriti e così via.

Non sarà presente il Banco Carovana, tuttavia verranno consegnati i prodotti commissionati al banco alla fine dell’ultimo live.

IMPORTANTE

Ricordiamo che anche se organizzato dai giocatori si tratta di un evento associativo, per cui per partecipare è necessario iscriversi all’evento sul database. Inoltre questo pranzo varrà 2 PP, quindi se non siete iscritti non li riceverete.

“All’attenzione di tutti i componenti della carovana soci e passeggeri

Viste le dinamiche e le problematiche avvenute durante il periodo di sosta presso le piane di Hyggar, siete tutti invitati ad un incontro nel quale affronteremo le seguenti criticità:

-Presenza di tenebrosi all’interno della carovana;

-Possibili minacce per la carovana;

-Azioni tutelative per salvaguardare la carovana;

-Ordine dei medici;

-Eventuali aggiornamenti al regolamento Fendin;

-Varie ed eventuali.

Tutti i componenti della carovana sono invitati a partecipare in maniera costruttiva, fonti di disturbo verranno richiamati ed eventualmente allontanati dall’incontro. Nel caso sia necessario valutare delle iniziative da attuare, verranno vagliate e votate dai membri soci.

Spero che possiate tutti partecipare e contribuire a questa iniziativa a beneficio della carovana e della buona riuscita dell’impresa.

Buon viaggio a tutti e spero di rivedervi presto

Lord Edward Villenoir”